COSTITUZIONE DI UNA O.N.L.U.S

Molti  mi  chiedono  consigli  su  come  costituire  una  Associazione  e  farla  crescere  fino  a  farla diventare  una  O.N.L.U.S.

I  sacrifici  sono  tanti  ed  i  meandri  burocratici,  sono talmente tanti, che spesso  passa  la  “voglia”… ma  per  amore  dei  nostri  piccini  che  in  teoria  dovrebbero  essere  tutelati  dal  Sig.  Sindaco  senza altre  “discussioni”,  occorre  avere  tanta  tenacia  e  correre  da  un  ufficio  all’altro  seguendo la pratica  che  spesso  dormirà  “sonni tranquilli”  se    nessuno  la  sollecita.

 

Partiamo  quindi  dalla  conoscenza  delle  leggi:

La legge  sul volontariato, la  266/1991 autorizza chi volesse associarsi a titolo volontario per fare qualunque cosa sivoglia in relazione ovviamente a questo argomento;

La  Legge  281  del  14  Agosto  1991 "Legge  quadro  in materia dianimali di affezione e  prevenzione del  randagismo"  pubblicata  sulla  Gazzetta  Ufficiale  della  Repubblica  Italiana  del 30 agosto 1991 è la  nostra  legge  di  riferimento  nazionale.

Ogni   Regione,  ha  recepito   con  una  sua   legislazione  la legge  quadro  281, ed  in  base a  questa,   ha   emanato   un   DL   Regionale,   cui   deve   far   riferimento   lo   statuto   della   nuova  Associazione,   inmodo   da   poter   essere    più    facilmente    riconosciuta,    quindi,    conviene    informarsi      presso   gli   uffici   competenti   della   Regione  di  appartenenza   per  quanto   riguarda  la Regione  Sicilia   si deve   fare  riferimento  alla  Legge Regionale N. 15 del 3 luglio 2000.

 

Tutto questo serve per redigere LO STATUTO   DELL’ASSOCIAZIONE.

Questo   è   un   atto   molto   importante   in   quanto   deve   prevedere   tutto   ciò  che  l’Associazione  vuole fare  e  come  lo  vuole  fare.  In  rete  ci  sono  diverse  forme  di  statuti,  è  bene  comunque  ricordare  che  per  essere  riconosciuti,  dalle  Regioni,  lo  Statuto  deve  avere  forma  democratica.

 

Occorre   anche   predisporre   un   ATTO  COSTITUTIVO,  nel  quale  vengano  indicati  i nomi  dei  soci fondatori  ed  eventuali  quote  iniziali  versate, ed  eventuale  patrimonio dell'Associazione. Per formare un’Associazione,  sono  sufficienti  anche  solo   tre  persone,  ma  è  ovvio che è meglio essere in tanti….

 

A  questo  punto,  si  deve  andare  All’Agenzia  Delle  Entrate  del  proprio  Capo Luogo  per  richiede  il codice  fiscale  dell’associazione  che  ovviamente  essendo  no profit  non  costa  nulla.

Se  si  vuole,   ci  si  può  fermare  a  questo  punto,  ma  l’associazione,  non  è  riconosciuta  e  non gode di nessun diritto; Seinvece si vuol fare un lavoro serio ci si cerca un Notaio e si portano idocumenti che abbiamo predisposto. A questo punto, il professionista,registrerà il nome dell’Associazione,  curandosi  che  non  ci sia  in  Italia  un’altra  Associazion e con  il medesimo  nome, l’atto  costitutivo  ed   il  nostro  statuto. 

ATTENZIONE,  se  volete che l’associazione venga registrata come O.N.L.U.S. state attenti che  nello statuto sia contemplato li divieto di distribuire anche in modo  indiretto  gli  utili  e  gli  avanzi  di gestione, che devono essere impiegati per legge nellarealizzazione delle attività istituzionali dell’Associazione.  E’ comunque  consigliabile,  consultare  il  sito  dell’Agenzia  delle  Entrate,  prima di redigere  lo  statuto. oppure  consultare  un  commercialista  esperto.

 

A  questo  punto  la  nostra  documentazione  è  finalmente  pronta  per  essere  spedita  agli  indirizzi di competenza,  noi  nel  frattempo,  avremo  preso  contatti   con i  funzionari  della  nostra  Regione, così  ci  saremo  fatte  conoscere…  sapremo  se  preferiscono  se  il  plico  può  essere  spedito  con raccomandata  A/R  oppure,  preferiscono  la  consegna  a  mano…  insomma,  credo  che  ogni  Regione abbia  una  sua  prassi…  A questo  punto  si attende  il Decreto  di  riconoscimento.  I  tempi  pensosiano  variabili…  ma  noi,  dobbiamo  sorvegliare  che  non  diventino  “biblici”….

Appena  arriva  il  famoso  Decreto  Regionale,  possiamo  chiedere  il  riconoscimento  anche  al  nostro Comune.  Quindi,  altra  domanda  al  Sig  Sindaco,  All’Assessore  competente  ed  al  Funzionario  che tratta  il  servizio.  Qui  entro  sessanta  giorni  “dovrebbero”  risponderci…  ma  si  attende che  si riunisca  la  Giunta  per  deliberare  e  non  sempre  la  nostra  domanda  trova  spazio…  per  questo motivo,  dobbiamo  armarci  di  santa  pazienza  e  ricordare  al funzionario  incaricato,  che  “esistiamo anche  noi…” 

 

Quando arriverà  anche  il  Decreto  del  Comune, possiamo mandare tutta ladocumentazione all’Agenzia  delle  Entrate  Regionale,  per  avere  il nostro  “sudatissimo”  acronimo  O.N.L.U.S.

e  chiedere  l’iscrizione  al  registro  delle  O.N.L.U.S.

Questo  ci  consentirà  di  fruire  di  una  contabilità  agevolata  e  di  accede  al  5x mille.

Vi  ricordo  che  le  due  cose  non  avvengono  contestualmente,  quindi,  bisogna  avviare  due pratiche.

Termino  la mia  “agonia burocratica”  augurandovi

BUON  DIVERTIMENTO